Veg(etari)ano per motivi….etici! L’etica vince sulla salute, anche se è una diretta conseguenza

Veg(etari)ano per motivi….etici! L’etica vince sulla salute, anche se è una diretta conseguenza

Siamo diventati vegani o vegetariani per motivi etici, salutistici, entrambi o per altro?
A questa domanda, la maggior parte di voi, su facebook mi ha risposto per motivi etici, ma molti hanno evidenziato come alla scelta etica sia subentrata anche la motivazione salutistica.
Alcuni invece, lo hanno fatto per entrambi i motivi (etici e salutistici) fin da subito e in numero davvero inferiore per motivi prima salutistici.

L’etica è la scelta che prevalica perchè tutti quelli che hanno intrapreso questo cammino perchè hanno compreso l’importanza della sofferenza altrui e hanno riconosciuto fin da subito che qualsiasi essere vivente, umano e non, è in grado di provare emozioni, sentimenti, gioie, dolori, proprio come noi.
Ora per noi vegani è abbastanza naturale individuare negli altri animali una personalità tale da considerarli al pari nostro; ovviamente a tali scelte e tali consapevolezze, ci siamo arrivati tutti per gradi o magari abbiamo avuto la fortuna di nascere già empatici perchè provenienti da una famiglia vegana.
La consapevolezza è qualcosa che ci rende liberi, abbiamo fatto delle scelte che reputiamo essere le migliori e tutti quelli che ci circondano dovrebbero essere felici o per lo meno non criticare se nella nostra coscienza si è risvegliata un’anima prima addormentata.
Guardiamo gli animali con altri occhi, capiamo che possiamo nutrirci senza uccidere altre creature, vogliamo le gabbie aperte, vogliamo fermare questa crudeltà ingiusta e con le nostre scelte il pensiero diventa realtà.
Viviamo cercando di fare il possibile affinchè tutti gli altri possano fare ciò che facciamo noi: vivere, respirare e andare avanti lungo il percorso di vita di ognuno di noi.
Difendiamo con orgoglio le nostre decisioni, siamo persone che si tengono informate e che vivono la propria vita responsabilmente.

Una volta fatta questa scelta per motivi etici, successivamente ci si rende conto, (anche a me è capito in seguito) di quanto sia importante anche per motivi di salute; il nostro fisico, ne può solo giovare.
Successivamente, ma non meno importante, si inizia a pensare a quanto da questa scelta ne possiamo trarre beneficio anche noi; impariamo a conoscere (e continuiamo a farlo giorno dopo giorno) nuovi alimenti e modi di cucinare; riusciamo ad abbinare cibi sani, mantenendo il gusto, ma soprattutto stando bene e mangiando in modo equilibrato.
Il denominatore comune a tutto questo, sono sempre gli animali: che restano lontani dalle nostre tavole, dai nostri stomaci, ma occupano un posto nel nostro cuore, nella nostra mente e nella nostra anima.

Possiamo nutrirci, sopravvivere e stare bene senza portare in tavola sofferenza, ed è quello che facciamo quotidianamente.

Ringrazio tutti quelli che hanno commentato!

Foto di Rubén Ustero

Samantha

, , ,

Rispondi