Vitamina B12: assunzione e integrazione di una vitamina indispensabile

Vitamina B12: assunzione e integrazione di una vitamina indispensabile

Molte volte il passaggio da un’alimentazione onnivora a vegetariana-vegana può creare delle perplessità su quelle che sono le possibili carenze alimentari.
Proprio per questo, ho voluto confrontarmi con la Dottoressa Michela De Petris, chiedendole delucidazioni in merito, soprattutto, in questo caso su quella che è la possibile carenza della vitamina B12.

Passando da un’alimentazione onnivora ad una vegetariana e vegana quali sono gli integratori da assumere e perchè?
La vitamina B12 si trova solo nei cibi d’origine animali, tutti quelli diretti, come carne, pesce e salumi,  nei derivati (latte, burro, uova, formaggi) ce n’è, ma davvero molto poca; nei cibi vegetali è assente; anche quelli che si credevano fonte di vitamina b12: alghe, prodotti di soia fermentata come miso, soia, tempeh non sono fonti affidabili di vitamina b12.
Per chi sposta l’alimentazione a favore di cibi vegetali, eliminandoli del tutto (vegani) o limitandoli (vegetariani) il rischio di carenza di vitamina b12 c’è; per cui la cosa corretta da fare, è sottoporsi a controllo medico attraverso gli esami del sangue, andando a dosare l’acido folico e l’omocisteina, vedendo quali sono le scorte, capire i valori di vitamina b12 e decidere quanto integrare.
Un vegetariano e un vegano dovranno quindi integrare per tutta la vita la vitamina B12.
Il quantitativo, il dosaggio, la somministrazione va personalizzata in base all’esito degli esami.
All’inzio gli esami andranno ripetuti dopo tre-quattro mesi per vedere come va con gli integratori, man mano che si stabilizzano i valori si possono fare anche una volta all’anno (se non ci sono problemi particolari).
Dipende molto da persona a persona, dal tipo di alimentazione;  la cosa migliore, comunque per il passaggio è fare gli esami del sangue e poi ci si regola di conseguenza.

Ci sono altri integratori da prendere?
Se non ci sono problemi particolari, l’unico integratore da prendere è la vitamina B12 perchè non ci sono fonti alternative.
Per il ferro, il calcio, lo zinco, la vitamina D, c’è sempre l’alternativa alimentare oppure per quanto riguarda la vitamina D il sole (se non in casi particolari in cui magari il sole non è sufficiente).

Ringrazio per il suo prezioso contributo, la Dottoressa De Petris, che riceve per visite personalizzate presso l’Arte Medica a Milano in Via Angera n°3 – angolo Via Belgirate n°15.

Come marca vegana, c’è la vitamina B12 della Longlife (si trova in farmacia).

Samantha

,

8 commenti

  1. Lucia

    Ciao Sam ^_^ sei sempre preziosa con i tuoi post…giusto la settimana scorsa ho eseguito i controlli ematici e la vit B12 è sotto la linea rossa di allarme -.- ho finito le scorte in 3 anni di supervita vegana e stavo cercando in giro cosa fare anche perché il mio medico mi ha imposto le iniezioni che sono stradolorose! questo suggerimento su quale integratore usare è molto prezioso grazie <3
    Lucia


    1. Author
      Samantha

      Figurati! 🙂
      Mi fa piacere essere utile e poter aiutare, come avrai letto, sono indicazioni della nutrizionista che collabora con il blog e mi fa piacere ritrovarti ogni tanto! 😉

  2. Lucia

    ti leggo sempre e ogni tanto mi scappa qualche commento…non mi trattengo incontinenza senile ^_-…ho preso le compresse e temevo per il gusto invece hanno un sapore piacevolissimo e anche il mio preferito la ciliegia! un abbraccio a una delle mammine piu’ belle del web <3


    1. Author
      Samantha

      Troppo cara, grazie! 🙂
      Prima o poi, riusciremo a conoscerci, chi sa, magari con i corsi di cucina ci sposteremo in tutta Italia… per ora ti ringrazio e mi fa piacere che la vitamina sia di tuo gradimento!

  3. Vittoria

    ciao,mi chiamo Vittoria, sono vegetariana da circa dieci anni; qualche mese fa ho fatto le analisi del sangue ed è risultata una forte anemia( solo 6 di emoglobina mentre il minimo è 12); dalle analisi successive è stato possibile escludere l’anemia mediterranea, in pratica il mio sangue è privo di ferro( e quindi sono sempre a corto di ossigeno!!!).
    Attualmente sto prendendo il ferrograd, la B12 e l’acido folico ed effettivamente l’emoglobina è salita a 10.Mi domando: come posso ingerire la giusta quantità di ferro e sospendere il medicinale pur mantenendo una dieta vegetariana?
    Ti ringrazio per l’attenzione e per i consigli che vorrai eventualmente inviarmi.

    VITTORIA


    1. Author
      Samantha

      Ciao Vittoria, scusami se ritardo nel risponderti.
      Purtroppo come sai la carenza di ferro, va a prescindere dal tipo di alimentazione che uno segue. Anche chi è onnivoro può essere carente di ferro.
      Durante la mia gravidanza ho assunto anch’io un’integratore, che mi sento di consigliarti: ferroguna (della guna).
      Gli alimenti vegetali che contengono più ferro sono i legumi, le verdure a foglie verdi, i cereali integrali, la frutta secca e la melassa.
      Altrimenti, il mio consiglio è quello di rivolgerti ad un medico specialista che ti sappia aiutare.

  4. carmen

    Ciao io da poco so di te mi chiamo carmen sono vegana da 1 anno scusa ma nn sono italiana se scrivo male .cmq io ho mancanza di vitamina 12 se mi poi consigliare cosa prendere grazie

Rispondi