La banana, segreti e curiosità

La banana, segreti e curiosità

Un frutto che adoro moltissimo è la banana, a voi piace?
Vediamo insieme qualche piccola informazione su questo frutto giallo.
Bisogna evitare di mangiarla quando la buccia è ancora verde: non solo il sapore sarà molto meno accattivante ma la consistenza sarà stopposa, per l’elevata quantità di amidi che si trasformano in zuccheri benefici per l’organismo solo quando il frutto è maturo.
Quando sulla buccia compaiono le tipiche macchioline marroni è arrivato il momento di mangiarla: capiamo in tal modo che è arrivata alla perfetta maturazione.
Al momento dell’acquisto se non avete intenzione di mangiarle subito scegliete tra quelle più acerbe e lasciate che raggiungano la perfetta maturazione.
La banana matura è naturalmente di più facile digestione, è molto saziante e per tale motivo è ottima come spuntino a metà mattina o pomeriggio, in particolare dopo l’attività sportiva.
Fornisce vitamina A, B1, B6 e C, fosforo, magnesio, sodio, potassio, ferro, zinco e fibre.
Ne esistono di diverse varietà; le prime banane, originarie dell’Asia, contenevano i semi che ora sono stati eliminati.
La pianta del banano produce anche fiori bianchi che in alcune regioni indiane vengono utilizzati in cucina.
Le varietà commerciali sono importate in grande quantità dai Tropici, dove sono disponibili per tutto l’anno.
Nel nostro paese le più diffuse sono la Ca vendish e la Gros Michel.
In cucina è molto versatile, si usa caramellata, passata in pastella e fritta diventando protagonista di numerosi dessert.
Dalle banane essiccate si ottiene una farina usata in molti paesi per preparare pane e torte.

Samantha

,

4 commenti

  1. Laura

    Io la banana la congelo per una-due ore, poi la frullo, ci metto delle mandorle tritate e la mangio come fosse un gelato! E’ ottima 😀

  2. gaeoliveri52@gmail.com

    Grazie,è davvero interessante,ho iniziato da poco ad essere vegetariano,per anche per ragioni di salute,diabete e cardiopatia, mi ha introdotto un medico in ospedale,spiegandomi le ragioni per le quali dovrei iniziare ad essere vegetariano prima e vegano in seguito…..infatti dopo dieci giorni di questa alimentazione vegetariana,la mia glicemia è calata in maniera esagerata,e a volte evito di farmi l’insulina,talmente è basso il valore glicemico.Mi sto informando,leggendo,ricercando e sentendo pareri sui vari blog.Seguirò anche te con piacere.Grazie ancora,buona giornata.


    1. Author
      Samantha

      Grazie a te!
      I percorsi di cambiamento possono solo giovare, non solo a noi stessi, ma anche alla vita di altri esseri viventi!
      Qui e su facebook troverai sempre “pane per i tuoi denti” 😉
      Un caro saluto
      Samantha

Rispondi