Lo zafferano, “l’oro rosso”: segreti e curiosità

Lo zafferano, “l’oro rosso”: segreti e curiosità

E’ definito “oro rosso” per il suo valore commerciale, lo zafferano ha un sapore straordinario e fa bene alla salute e all’umore.
Sin dall’antichità, infatti, si attribuiva allo zafferano il dono del buonumore e la scienza ha confermato la saggezza popolare.
Degli studi hanno infatti dimostrato che alcune sostanze contenute nello zafferano hanno effetti benefici sul sistema nervoso e possono alleviare una leggera depressione o nervosismo.
Non bisogna esagerare: la dose giornaliera consigliata è di 1,5 g al giorno.
Questa spezia è una gran protagonista della cucina italiana sia nel Nord sia nel Sud, in particolare nella cucina siciliana.
Anche se di origini mediorientali, lo zafferano di miglior qualità oggi è prodotto in Italia, in particolare in Umbria, nelle Marche e in Sardegna.
Si trova in polvere, in tutti i supermercati (e in questa forma si mette direttamente nei liquido di cottura, in genere verso la fine della preparazione) e in stimmi essicati (meno diffusi ma dal gusto unico).

Oro rosso, sì per la lavorazione
Per ottenere un chilo di zafferano bisogna raccogliere e lavorare 150.000 fiori.
Proprio per questo il suo prezzo al grammo è alto: lo zafferano si ottiene dai pistilli del croco (un fiore) essicato e tutte le operazioni, dalla raccolta dei pistilli alla polverizzazione, vengono fatte a mano.
Il suo sapore e aroma unico basta però a ripagare di tutti gli sforzi: basta un pizzico di zafferano a trasformare un semplice risotto in un piatto davvero goloso.

Fonte: la mia cucina vegetariana

Samantha

1 commento

  1. Paolo Pellegrini

    Umbria, Marche e Sardegna???? hahahahaha… ma vieni in Toscana se vuoi conoscere il vero zafferano… San Gimignhano si chiama “la Manhattan del Duecento” perché le famiglie si fecero ricche con lo zafferano e costruirono le torri… e il sapore è tutta un’altra cosa….

Rispondi