L’alluvione e le vittime non umane. La morte invisibile degli animali

L’alluvione e le vittime non umane. La morte invisibile degli animali

Questi giorni sono stati terribili per tutti quelli colpiti dall’alluvione.
Immagini strazianti di distruzione e morte sono circolate nel web e nella televisione.
Tante persone hanno perso tutto, una vita intera di ricordi, i propri cari e anche i propri animali.
Proprio di questi ultimi vi vorrei parlare.
L’informazione che circola online o attraverso la scatola sonora è sempre la stessa, ma difficilmente si parla di animali, di quante vittime ci siano state e di come anche i rifugi-oasi siano stati colpiti dai disastri provocati dall’alluvione.
Gli animali, i nostri compagni di vita, anche nell’informazione sono messi in secondo piano.
Pochi parlano di quanti animali abbiano perso la vita annegati, schiacciati dalle macerie, accanto al loro padrone…
Ascoltando le notizie di questi giorni, il mio primo pensiero è stato: “Chi sa quanti animali saranno morti”…
Ho cercato di pensare a come potrei sentirmi io se qui dove viviamo fossimo colpiti dall’alluvione e Olivia, la nostra cagnolina, restasse intrappolata o vittima dell’acqua.
Partendo dal fatto che non dovrei pensare alll’impensabile, ma se tutto ciò dovesse capitare, io sarei distrutta dal dolore, perchè lei è della famiglia, è una di noi, e noi saremmo distrutti dal dolore.
Anche gli animali sono vittime di questa alluvione, di questo “sfogo” della natura, chi sa quanti hanno perso la vita o stanno lottando per sopravvivere.
Pensate ai canili, le oasi, i rifugi colpiti nei dintorni di Genova, pensate a tutti gli animali annegati o rimasti intrappolati e morti in un modo orrendo…

Alle vittime invisibili di questa alluvione…

Ricordare per non dimenticare, gli animali sono coloro che regalano gioia, allegria, sorrisi incondizionati…
Un grazie a tutte le persone intervenute per aiutare gli animali non umani in difficoltà.

Samantha

39 commenti

  1. Laura

    Le tue sono parole sacrosante!!!!!
    gli animali rimangono sempre e comunque gli invisibili, in qualsiasi situazione!!!

  2. gisella

    anche io ho pensato agli animali, c’era una colinia felina vicino al Bisagno…chissa che fine ha fatto!

    1. Francesca Romana Luzi

      Spero tanto che quella colonia felina di cui parli si sia salvata, alle volte loro hanno la sensibilità di mettersi in salvo prima, ma non dobbiamo mai crogiolarsi su questa cosa. Ecco perchè sostengo i volontari che si stanno facendo in quattro in questi giorni. Io non sono brava come loro, ma dò una mano nel mio piccolo.

  3. gisella

    anche io ho pensato agli animali, c’era una colinia felina vicino al Bisagno…chissa che fine ha fatto!

  4. jenny

    che tutti i volontari colpiti da questa tragedia si facciano sentire..e chiedano aiuto…in modo da poterci unire tutti per aiutarli in questa tragedia..perche come per gli umani anche per gli animali l’ unione fa la forza.

  5. katia

    io essendo di genova,anchio ci ho pensato tanto,ovvio che nessuno ha parlato di loro ne si so viste scene di ritrovamenti..ho pensato tante alle tante colonie che c’erano in quelle zone–una mia amica ne curava una,e chissà che fine ha fatto…!!!:-(

  6. MARINA PARODI

    Samantha…anch’io ho pensato continuamente agli animali dell’alluvione di Genova!!!!! Animali randagi, o che vivevano nei gattili e nei canili…quanta sofferenza di esseri silenziosi che forse pochi ricordano!! Bisogna cercarli noi i volontari di canili e gattili, anche attraverso la rete..Facebook per esempio..che in questi casi serve veramente!! Io ho molti contatti, volontarie che cercano aiuto ce ne sono tante… e che aspettano un aiuto concreto…!

  7. alessandra

    una ragazza su facebook aveva messo inoltrato l’appello di un rifugio che cercava aiuto…lei ha offerto stallo per sei cani ma nn so quanti altri abbiano aderito e quante creature siano riusciti a salvare…..spero solo il maggiorn numero possibile…..sono vicina a tutti quei padroncini che hanno perso i loro bimbi in questo tremendo disastro

  8. mario righi

    anni fa durante l’alluvione nell’alessandrino e nell”astigiano l’ENPA di Novi Ligure e di Alesandria ha chiesto aiuto agli animalisti-gente del kulturcentro, lac , lav, leal, greenpeace ecc hanno formato un colonna da milano capeggiata dal furgonne della Leal, da Firenze anche attrezzati per tirare fuori dal fango buoi e cavalli-salvati polli, cani, gatti con la scusa di portare piatti caldi nelle fattorie tanta brava gente ma molta altra lasciava morire i propri animali-perché nessuno più chiede aiuto? e si propone di coordinare sul territorio, si salverebbero con un centro raccolta, centinaia di animali….altro che gli animalisti aumentano, su facebook magari……

  9. adele

    veramente è la prima cosa che mi è venuta in mente. Anche io non saprei rassegnarmi se dovessi perdere uno dei miei cani in una tragedia come questa.

  10. lili

    la vita degli animali x la massa dell’umanità non conta nulla, quello che è terribile è che si fanno i conti delle perdite in danaro di tutto ciò che è stato distrutto dalla furia della natura – ma delle sofferenze , dello strazio silenzioso degli innocenti, della loro morte UGUALE alla nostra morte , del loro terrore UGUALE al nostro terrore , NO,di tutto questo nessuno ne parla- perchè ?????? me lo sono sempre chiesto….. e la mia deduzione è sempre la stessa: l’uomo anche nelle disgrazie resta sempre un maledetto egoista ed una merda

    1. giuliana

      anch’io ho pensato agli animali.quando ce stata l’alluvione in veneto,l’anno scorso,i volontari/e ne hanno salvati tanti….ce stato un tam tam sia tel. che su fb.spero tanto che molti si siano salvati.

  11. miky

    Oltre ai rifugi e canili pensate a quanti negozi di animali sono stati sommersi dall’acqua…cuccioli di cane e gatto, conigli, roditori, rettili…tutti intrappolati e ammassati in piccole gabbie che sono diventate la loro tomba 🙁
    Non avevano alcuna via di fuga 🙁

  12. Pierpaolo Paradisi

    Io e il mio Leo ci siamo salvati per miracolo e, anzi, è grazie a lui se ci siamo salvati.
    In mezzo a tutti il disastro abbiamo trovato un cagnone che si era perso, l’abbiamo restituito al padrone … ma chissà quanti altri stanno ancora cercando la propria casa, tagliati fuori da una frana o, peggio, sepolti sotto di essa.
    Dei miei gatti ne mancano tre all’appello … http://www.vinix.com/myDocDetail.php?ID=5644

  13. Antonella De Alexandris

    Io sono riuscita a salvare un gatto randagio disabile( ha solo tre zampette) che da anni abita nel palazzo di fronte al mio!!! Era coperto di fango poverino, l’abbiamo preso messo nella porta gatti e portato da Animal assistance a piedi venerdi pomeriggio! ora sta meglio ma è ancora li, sto aspettando che non piova più per poterlo rimettere nel cortile del palazzo dove da anni è accudito con amore dai condomini!!!!

  14. dalina

    la dimostrazione che i media non si curano di informarE,MA SOLO DI FARE AUDIENS…altrimenti terrebbero in considerazione anche il “sentire” di tanti animalistai,regolarmente ignorati.

  15. Gloriana Capuano

    L’animale uomo, ha un plusvalore? Non so!!!!!!Per chi? Perchè!! é vero che siamo unici! Ma non è altrettanto unico…. un cane ….un ghatto! Perchè ci sono vicini , si dirà! Ed una formica ,,,, non è lo stesso…..Un albero secolare….. Tutto l’ambiente è stato ferito dagli eventi consideriamo come proteggerlo!!!!! E questo deve partire da noi! VERO?

  16. Roberta

    Non dovete calcolare i “media”, per loro è solo un lavoro, per loro è uno scoop. Un pò come Simoncelli, per carità grande campione e bravissima persona ma perchè per lui tanto fumo e per i volontari morti nel tentativo di aiutare gli alluvionati solo silenzio? La realtà è sempre diversa ed in questi casi è sempre drammatica da qualunque parte la si veda!!!

  17. paola

    Giustissimo ricordarsi anche di loro !
    Alcuni anni fa abbiamo perso la ns casa causa un incendio. Siamo stati “accusati” di essere più disperati per la morte delle bestiole che non sono riuscite a scappare in tempo, che non per la distruzione della casa stessa.
    Ho risposto con pochissime parole!

  18. CLAUDIA

    anche io, sembrerò disumana, ma ho pensato tanto di più a queste povere creature indifese … io se le mie cagnoline o i miei gatti dovessero morire così preferirei morire insieme a loro.

  19. Saggiomo Simona

    …credo che come esista a livello istituzionala la Protezione Civile, gli argani adepti nella protezione animali debbano essere presi in considerazione x l’ aiuto allo stesso modo degli umani.Sono Vite!!!!!!!!
    Un pensiero a tutti gli animali che sono volati sul Ponte!
    Simona

  20. Zorhaide

    Concordo.. Poveri animali… La mia non è stata una zona a rischio.. Ma dopo aver sentito parlare di possibile evaquazione (che poi non c’è stata, per fortuna) sono rincasata e ho tenuto in casa i miei mici.. In modo tale di averli “a disposizione” per un eventuale salvataggio (-: direi che sono i primi della lista di salvataggio!!

  21. fulvia

    Anch’io ho sempre lo stesso pensiero in qualsiasi catastrofe accada nel mondo, l’ho pensato per Genova come per il Giappone, purtroppo sono sempre nell’ombra sia nelle catastrofi che nella vita quotidiana, poveri angeli che per noi danno la vita ….

  22. Mara

    E`vero che quando succedono queste catastrofi viene subito da pensare alle persone colpite , ai bambini, a tutti coloro che purtroppo non sono riusciti o hanno combattuto contro la morte, io pero guardando quelle immagini ho pensato anche agli animali. Come i bambini sono i piu indifesi e forse quelli dei quali in questi momenti viene tenuto meno conto perche sono animali. Io spero che qualcuno abbia pensato anche a loro.

  23. tiziana

    non ci posso neppure pensare, che vita orrenda è mai questa per gli uomini e per gli animali? Ci sarà una vita oltre la morte dove potremo ricongiungerci con i ns. adorati amici pelosi?
    mah

    Tiziana

  24. Francesco Rotta

    Quando pioveva non ho rivolto neanche un decimo di secondo agli umani (soprattutto a quelli che hanno votato il sindaco di merda che abbiamo) mentre le mie attenzione erano rivolte solo e soltanto agli animali. Nel negozio di animali di via Fereggiano ho chiesto e non sono morti animali ma chissà quanti cani randagi, gatti, uccellini…. solo e soltanto per colpa del sindaco disonesto (e comunista) che abbiamo. Fiero di far schifo a persone che dicono “è solo un uccellino”.

  25. barbara

    Che tristezza! ogni volta che succedono queste tragedie mi si stringe il cuore sarò cattiva/strana ma penso sempre prima agli animali, povere vittime di un mondo infame.

  26. isa

    ho sempre pensato che in caso di calamita’ avrei portato con me solo i miei gatti prima di fuggire….proprio oggi uno dei due non c’e’ piu’!!!!!!!

  27. Massimo

    Animali? si certo. e’ ovvio che si pensi anche a loro ma….
    Una citta’ mezza distrutta, 7 morti, persone che hanno perso tutto, persone che hanno perso l’attivita grazie al quale davano da mangiare alla famiglia… personalmente agli animali penserei dopo.

  28. Alessandra

    Io ho vissuto da molto molto vicino l’alluvione dell’anno scorso di Padova. Animali che vedevo tutti i santi giorni andando al lavoro, sono certa che sono morti.. le loro cucce giacciono tuttora immobili dentro a quegli schifosi box vicino alle case. Un cane trovato con un moncherino di corda al collo, letteralmente terrorizzato. S’è poi venuto a sapere essere quello di una casa con più cani legati nel giardino.. lui è stato l’unico a salvarsi rompendo la corda.. maiali che avevano solo il naso fuori dall’acqua.. un cane trovato sopra un furgone per pura fortuna..
    Non dimenticherò mai quei giorni. Mi viene da piangere ogni volta che ci penso.. ed è stato comunque meno forte di quello successo in questi giorni. Sono vicina col pensiero a tutte quelle famiglie, quindi animali compresi ovviamente, che hanno vissuto questa terribile esperienza..

  29. Elena Pepponi

    E’ stato anche il mio primo pensiero.. appena si è parlato di alluvione ho pensato: “chissà tutti quei poveri animaletti (cani, gatti ecc..) in strada, o nei rifugi e nei canili, oasi… chissà poveri piccoli! tutti quei piccoli in balia dell’acqua… e nessuno che ne abbia parlato anche solo in minima parte… silenzio assoluto! Viene una rabbia!!!!

Rispondi