Addio alla carne: nel 2050 saranno 30 milioni i vegetariani in Italia

Addio alla carne: nel 2050 saranno 30 milioni i vegetariani in Italia

Entro il 2050 saranno 30 milioni i vegetariani in Italia. Questi sono i dati rivelati da un’indagine dell’AcNielsen rielaborata dall’ Eurispes.
Quindi tra meno di 40 anni ci sarà un vegetariano su 2 e già oggi solo nel nostro paese sono 7 milioni coloro che si dichiarano fedeli al vegetarismo: si tratta per lo più di donne (70%) di età compresa fra i 25 e i 54 anni (62%) e con un livello di istruzione medio-alto (85%).
Gli italiani rispetto agli altri paesi non sono tra i più grandi consumatori di carne (per fortuna). Ogni italiano consuma mediamente 92 chilogrammi di carne all’anno.
Nel Regno Unito, invece la situazione è ben diversa, dove il consumo pro capite di prodotti di origine animale è di 125 chilogrammi.
Una recente ricerca della Oxford University ha calcolato che diminuendo il consumo di carne e prodotti animali (latte e uova) a 25 e a 11 chili l’anno si eviterebbero rispettivamente 32.352 e 45.361 morti l’anno nel solo Regno Unito.
Avevamo già parlato del dossier Healthy Planet Eating, commissionato dall’associazione Amici della Terra che rivela come la carne lavorata (insaccati e simili) sia ancora più dannosa per la salute rispetto a quella fresca, ma come invece non ci sia alcuna differenza dal punto di vista salutistico tra carne rossa (manzo, maiale, agnello), carne bianca (pollo) e pesce, perchè tutta la carne degli animali d’allevamento intensivo è diventata negli ultimi decenni sempre più grassa, vale a dire contiene sempre più grassi saturi e colesterolo e sempre meno proteine.

Già adesso, rispetto a qualche anno fa anche grazie all’informazione, ci sono sempre più persone che abbracciano questo stile di vita e si rendono come il veganesimo offra tutto ciò che serve per vivere bene e in salute.

La scelta giusta si compie per gli animali, per la salute e per l’ambiente! 🙂

Samantha

, , ,

Rispondi