Gli animali sono tutti uguali

Gli animali sono tutti uguali

A  che livello possiamo essere considerati tutti uguali? Come possiamo ritenerci migliori di “altri”?
L’uomo crede davvero di poter fare degli animali quello che vuole, compiendo azioni su coloro che ritengono degli oggetti da usare a proprio piacimento. Negli allevamenti gli animali vengono sfruttati per produrre carne, latte, uova, pellicce, pelle e lana; vengono usati nei laboratori di vivisezione, nei circhi e negli zoo; nella caccia e nella pesca.
Ma quello che vi voglio chiedere, e su cui mi vorrei soffermare oggi è questo: come si possono guardare con occhi diversi gli animali? In base a cosa si fanno distinzioni tra un maiale e un cane? Tutti quelli che hanno vissuto anche solo per poco tempo con un cane o un gatto, sanno benissimo che anche loro, come noi, sono in grado di provare moltissime emozioni; questo vale anche per gli animali che tradizionalmente non sono considerati da compagnia, ovvero mucche, maiali, pecore…
Nel tempo per praticità e scopi personali l’uomo ha diviso gli animali in base ai propri bisogni differenziando tra quelli d’affezione, da reddito, da esperimento, da divertimento, da spettacolo; utili tutti per il tornaconto personale.
Ci sono paesi in cui si trovano ammassati nelle gabbie cani e gatti pronti per essere macellati per la loro carne o per la loro pelliccia, in Cina gli orsi vengono rinchiusi in gabbie che aderiscono al loro corpo e un tubo, estrae la bile che sarà poi utilizzata in campo farmaceutico. Nelle campagne ci sono animali liberi che possono rischiare di essere uccisi per uno “sport” praticato dall’uomo.
I sentimenti, i desideri di vivere in libertà, avere una famiglia, la voglia di vivere secondo natura è alla base di tutti, animali umani e non.
Non c’è nessuna distinzione tra un maialino che ha voglia di giocare, annusare la terra e un cane che compie le stesse attività. L’unica differenza sta negli occhi di chi guarda, nei pregiudizi, nel sapere comune che vede il primo come alimento per soddisfare i propri piaceri (quali, non lo so) e il cane che è considerato come il miglior amico dell’uomo.

Alla prossima!

Sempre dalla parte degli animali

Samantha

,

Rispondi